Dammi cento secondi, devo chiederti qualcosa di importante

Ciao,

ho registrato un messaggio importante per te. Clicca qui sotto sull’immagine:

Dona €50 per contribuire alla campagna di sensibilizzazione contro l’utero in affitto e alle azioni legali contro le agenzie di surrogazione. Se non puoi, anche €35, o qualsiasi altra somma, rappresentano un grande contributo!

Se non riesci a vedere il video, ecco la trascrizione del messaggio:

Il mese scorso il direttore di un’agenzia americana che fa business sull’utero in affitto, ha organizzato un incontro in un albergo a Roma per vendere bambini.

Tali agenzie vengono spesso in Italia perché il nostro paese è per loro un mercato in crescita: la legge sulle unioni civili è entrata in vigore e i giudici ora permettono anche la stepchild adoption per le coppie omosessuali, che incentiva il ricorso all’utero in affitto. I media ne parlano e personaggi pubblici vanno all’estero a comprare bambini, come Nichi Vendola, che ora vorrebbe anche una bambina.

Dobbiamo fermare tutto ciò! Tu ci puoi aiutare. ProVita ha appena presentato un esposto al Tribunale per denunciare l’incontro dell’agenzia americana a Roma, e stiamo realizzando un documentario esclusivo, con testimonianze di madri surrogate e figli nati da utero in affitto.

Senza il tuo aiuto, senza una tua donazione, non possiamo continuare quest’opera di sensibilizzazione, non possiamo fermare coloro che organizzano e promuovono l’utero in affitto nel nostro paese.

Dona ora €50, se credi che sia importante fermare la compravendita di bambini e lo sfruttamento delle donne. Se non ti è possibile, dona €35, o qualsiasi altra somma: ProVita, insieme a te, agisce per il bene dei bambini e delle donne.

Sostienici! Grazie dal profondo del cuore.

Toni Brandi

Presidente ProVita onlus

PS. Cliccando qui puoi facilmente donare €50 per contribuire alla campagna di sensibilizzazione contro l’utero in affitto e alle azioni legali contro le agenzie di surrogazione. Se non ti è possibile, anche €35 o qualsiasi altra somma rappresentano un grande aiuto! Grazie!

 


Versandadresse der Spammail:

Versandadresse: Daniela Turrini – Provita – [email protected]
Rückantwort:

 


Verlinkung in der Spammail:

In der Mail wird auf diese Url verlinkt: www.notizieprovita.it/procedi-step1.php?rel=xxxxxxx

 


Mailheader der Spammail:

Return-path:
Delivery-date: Mon, 25 Jul 2016 17:39:32 +0200
Received: from [195.4.92.24] (helo=mx14.freenet.de)
by mbox153.freenet.de with esmtpa (ID exim) (Exim 4.85 #1)
id 1bRhye-0000HT-Cs
for [email protected]; Mon, 25 Jul 2016 17:39:32 +0200
Received: from mx1.braincomputing.net ([195.94.171.248]:61709)
by mx14.freenet.de with esmtps (TLSv1:AES128-SHA:128) (port 25) (Exim 4.85 #1)
id 1bRhyd-0003HE-TN
for [email protected]; Mon, 25 Jul 2016 17:39:32 +0200
Received: from ([127.0.0.1]) with MailEnable ESMTP; Mon, 25 Jul 2016 17:39:23 +0200
Date: Mon, 25 Jul 2016 17:38:07 +0200
To: “[email protected]
From: Daniela Turrini – Provita
Reply-To: Daniela Turrini – Provita
Subject: Dammi cento secondi, devo chiederti qualcosa di importante …
Message-ID: <[email protected]>
X-Mailer: PHPMailer 5.2.13 (https://github.com/PHPMailer/PHPMailer)
X-CampTrackID: 8b1e9x6e-9×95-axe-5bx2-5x9632c7x9fe
MIME-Version: 1.0
Content-Type: multipart/alternative;
boundary=”b1_85e5ef5259311a069b552e306caa9421″
X-purgate-ID: 1492×5::1469×61172-000056Ax-8F41BC6E/0/0
Delivered-To: [email protected]
Envelope-to: [email protected]
X-Originated-At: 195.94.171.248!61709
Delivered-To: [email protected]

Linkcode für Webseiten, Gästebücher usw.:

<a href="https://www.spammails.net/dammi-cento-secondi-devo-chiederti-qualcosa-di-importante/">Dammi cento secondi, devo chiederti qualcosa di importante</a>

Ähnliche Informationen:

Leave a Comment

× 9 = 81

9 genehmigte Kommentare
954 Beiträge und Informationen
Nach Oben
© by Spammails.net - Das Newsportal zu Phishing-Mails und Spammails mit Informationen, Bildern und Hintergrund Infos. Weiterhin finden Sie hier zahlreiche Tipps, Tricks und Hilfen um sich gegen Phishing und Spam zu wehren und diese Mails an offizielle Behörden zu melden.
Sitemap

Made with in Germany
Mail Kotzen